Donovan Gallo - Communication Designer

Durante l'attività di un Designer, arriva un momento critico (fidatevi, arriva!) in cui trovare l'idea giusta per un progetto, diventa difficile come scalare l'Everest!
Attingere alla creatività su richiesta non è sempre facile, per tutta una serie di fattori come, scadenze imminenti, Clienti con idee poco chiare o semplicemente un momento di appannamento personale. Ci sono giornate in cui nonostante gli sforzi e le buone intenzioni, non si riesce a produrre nulla se non banalità. Può capitare.

In questi casi però ci sono tantissime cose che si possono fare per poter migliorare la situazione in maniera decisa, cercando e trovando la famosa "ispirazione". Ma come per ogni cosa, non basta muoversi seguendo l'istinto, ci vuole un METODO, coadiuvato da uno spirito d'osservazione spiccato e da una mente molto aperta.

Le primissime domande che ci dobbiamo porre per importare qualsiasi progetto sono queste:

Qual è l'obiettivo di questo Design? Che cosa deve comunicare?
Quando questo concetto sarà chiaro si potrà iniziare a "progettare". Spesso è una domanda che viene ritenuta banale, ma cosi non è, perché a seconda dello scopo, la comunicazione visiva potrebbe davvero cambiare radicalmente!

Qual è il target? A chi deve comunicare?
Conoscere il fruitore a cui è rivolta la comunicazione è determinante per tarare e definire al meglio il design e la "confezione" del messaggio.

Attraverso quale canale verrà proposta la comunicazione? Stampa o Web?
La risposta che otterremo da questa domanda, permetterà di importare i parametri del progetto grafico, mettendo attenzione sia a come dovremo muoverci tecnicamente e soprattutto sulla forma che dovranno avere i contenuti.

Marchio, ci sono delle guide/limitazioni o abbiamo carta bianca?
In un mondo ideale, esiste uno strumento che sostanzialmente ci indica il percorso da seguire, il BRIEF, documento con tutte le specifiche del progetto da elaborare. Ma spesso questo meraviglioso aiuto non c'è, ed è essenziale recuperare tutte le informazioni che permettano di ottimizzare tutto il processo creativo. A volte abbiamo a che fare con un qualcosa che ha già un'identità ben definita e riconosciuta e dobbiamo tenerne inevitabilmente conto, altre volte invece, partiamo da un foglio bianco.

La domanda finale poi è semplice ma fondamentale: Ho tutto ciò che mi serve?

Probabilmente questa domanda ce la rifaremo più volte, ma è normale. L'importante è arrivare ad una conclusione.

Se però nel frattempo, per qualche oscuro motivo l'ispirazione per l'idea giusta non fosse ancora arrivata, si possono seguire questi consigli:

FARE UNA PAUSA
Fare una pausa, farsi un giro, liberare la mente… Non è facile, soprattutto se si fanno i conti con tempistiche ristrette, ma staccare la spina dal problema per qualche ora può fare davvero miracoli e molto spesso è la chiave per trovare la "genialata" (ovviamente avendo già tutte le info acquisite).

NAVIGARE IN RETE
Il web e i Social sono un mare immenso, fatto di siti e piattaforme contenenti milioni di immagini, rappresentazioni, progetti a cui ispirarsi, per sapere cosa fare e soprattutto cosa NON FARE! Può essere una cosa positiva, a patto che però dopo si ritorni a lavoro!

RAGIONARE AD ALTA VOCE
Parlare mette inevitabilmente in movimento le idee, intuizioni e fa girare le ruote dei criceti nel nostro cervello. L'ideale sarebbe condividere le proprie intuizioni e dubbi con un team, ma anche parlare da soli aiuta. Il BrainStorming è un ottimo strumento per arrivare ad un risultato. Il segreto è non tenersi niente dentro… anche l'idea più sciocca deve essere messa a nudo.

COLLEZIONISTA
Catalogare ed ordinare ciò che si fa è un metodo che alla lunga paga sempre. E' buona abitudine creare degli archivi con immagini e risorse da utilizzare nei progetti, cosi da poter attingere sempre ed in ogni momento. Consiglio anche di catalogare i propri lavori, esercizi di stile o bozzetti, perché l'idea giusta potrebbe essere già pronta e ciò che non andava bene prima per un progetto, magari può essere vincente per il prossimo.

SPERIMENTAZIONE
Non esiste un'unica strada per arrivare ad un risultato soddisfacente. Uno dei limiti più grandi che ci possono bloccare è quello di rimanere ancorati ad un punto di vista.
Bisogna giocare con i colori, disposizione degli elementi, trasparenze, così da liberare la mente e creare nuove soluzioni. L'esperienza diretta è sempre il mezzo più efficace.

PENSA A TE
Dedica del tempo a te stesso tutti i giorni… basta mezz'ora scrivendo, disegnando, suonando, a patto che in quel lasso di tempo, ogni distrazione venga allontanata, con il focus totale sulla creatività. Potrebbe essere una buona occasione per entrare in contatto con il proprio lato culturale, visitando luoghi dedicati.

Social Share